L’uragano della repressione

Scritto da Matteo Caponetti dell’Associazione Culturale Zenit

Siamo ormai arrivati ad un clima di tensione politica e sociale che desta in tutti noi una seria preoccupazione per quelli che potrebbero essere gli scenari futuri. La caccia alle streghe che sta interessando gli ambienti associazionisti e movimentisti che si posizionano al di là della destra parlamentare ( vedi Casa Pound, Forza Nuova ed altre realtà in giro per l’Italia), non è circoscritta solo alla nostra area politica ma coinvolge anche chi, dalla parte opposta alla nostra, difende e professa idee di sovranità nazionale. Accade così che mentre da questa parte si sta usando una particolare pressione per far surriscaldare gli animi in modo tale da scatenare una reazione istintiva, dall’altra si inizia a lavorare ai fianchi espellendo dalla federazione della sinistra tutti coloro che non rispettano i diktat di una estrema sinistra che ha fretta di tornare a sedersi in parlamento, isolando, boicattando ed emarginando le voci che escono fuori dal coro. Ciò che sorprende ancor di più è invece questo nervosismo lampante, l’esasperazione con la quale chi detiene oggi le redini del paese, riversa nella collettività la propria incapacità ad amministrare o meglio a governare. La situazione non è piacevole per nessuno tranne per chi come al solito è abituato a tradire il proprio paese ed il suo popolo pur di conservare un posto di potere. Insomma l’Italia è in una fase di transizione, aspetta di subire le liberalizzazioni che metteranno in ginocchio il paese, si ritrova sotto scacco dei banchieri e della burocrazia di Bruxelles, vive un momento economico di difficoltà che mai fino ad ora era stata abituata a vivere e in tutto ciò vede la sua politica interna subire l’evoluzione degli scontri che stanno coinvolgendo tutte le potenze mondiali nel riassestamento del potere globale da cui dipenderà la sorte del mondo per tutto il ventunesimo secolo. Auguriamoci quindi vivamente che non si instauri ciò che già in passato si è verificato e cioè un paese in cui gli opposti estremismi, incentivati da una stato servile e asservito ai poteri forti stranieri, hanno causato innumerevoli vittime innocenti e repressioni che hanno finito per stroncare le idee di una generazione intera. L’allarme è stato lanciato, lo schema già utilizzato, i metodi sono ben noti, allacciamoci bene le cinture per superare questa tempesta senza subire danni irreperabili, mettiamoci in cammino seguendo senza sbandamenti il nostro percorso e aggrappiamoci alla nostra solare visione del mondo sperando che il corso degli eventi geopolitici favoriscano le nostre istanze di libertà.

Immagine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...