Un film per Natale

In ambito cinematografico il periodo natalizio rappresenta storicamente un mercato molto florido. Ci vengono offerti, come ormai consuetudine vuole, titoli di ogni genere e di ogni provenienza culturale. E’ altrettanto un dato storico che i film che riscuotono maggior successo di questi tempi sono i comici; assumendo il ruolo distensivo che accompagna le dolci ferie natalizie anche quest’anno sono destinati a sbancare i botteghini. Nel cattivo gusto che prende spesso il sopravvento delle storie “trash” propinateci da certi film è indubbio che vi sia effettivamente qualche titolo divertente e rilassante. Ciò non toglie che le nostre attenzioni possano spostarsi su film più impegnati e di maggiori motivi di riflessione, in piena sintonia con il sacro significato che il Natale ricopre. Come non soffermarci dunque sull’ultimo lavoro del regista Kevin Loach? Il titolo è tratto dal verso di una ballata irlandese del diciottesimo secolo che inneggia alla resistenza contro l’invasore inglese, “Il vento che accarezza l’erba”, appunto. Un film che si caratterizza in quanto suggestivo e crudo e che ci narra delle gesta autenticamente eroiche di patrioti che attraverso il combattimento hanno manifestato la forza di un ideale e l’amore per la propria terra. Ambientato nell’Irlanda del 1919, anno in cui la guerra d’indipendenza contro l’Inghilterra scoppiò a seguito della coraggiosa decisione, nonostante il mancato appoggio internazionale, di alcuni deputati irlandesi di non prender posto nei loro seggi del parlamento britannico (Westminster) e di fondarne uno irlandese (Dail). Una perseverante resistenza con azioni di sabotaggio, guerriglia e sacrifici degni della migliore tradizione celtica permisero agli insorti irlandesi di difendere la propria terra dalle più numerose e meglio organizzate truppe nemiche e costrinsero l’Inghilterra a cedere, chiedendo la fine delle ostilità e la firma di un trattato di pace. Il trattato verrà stilato nel 1921 e decreterà la nascita dello “Stato libero d’Irlanda” che non prevede però l’uscita dal Commonwealth e sancisce inoltre la partizione dell’isola, sei delle trentadue contee rimangono al Regno Unito andando a formare lo Stato dell’Irlanda del Nord. Tali umilianti compromessi vengono però accolti male da gran parte dei combattenti che diedero così vita ad una guerra civile drammatica che lasciò sul campo più vittime di quelle del conflitto contro la corona. Una così frustrante situazione ci viene descritta egregiamente in questa pellicola attraverso gli occhi di due fratelli irlandesi, Damien e Teddy O’Donovan, che abbandonano tutto e si arruolarono tra le file della resistenza repubblicana. I due si ritroveranno tragicamente contro successivamente alla firma del trattato del ’21. La difficile scelta che sancisce la lotta fratricida caratterizza questa pellicola, il cui messaggio di patriottismo e forza di volontà ci auguriamo venga colto e fatto proprio da chi deciderà di guardarlo (al cinema o in cassetta) e che magari decida di riservare una preghiera per chi ha sacrificato se stesso per… un vincere più grande.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...